STOP BIOCIDIO - Casandrino, mamme in piazza contro la terra dei fuochi

Centinaia di persone hanno sfilato alla manifestazione di sabato 28 febbraio a Casandrino contro l'avvelenamento ambientale. Il presidio sul territorio campano è stato rafforzato con la nascita della nuova associazione della Rete Stop Biocidio che ha visto nella marcia di sabato il suo primo evento pubblico. La manifestazione è stata organizzata dal neonato comitato che si è costituito a Casandrino (Napoli) in collaborazione con il Coordinamento comitati fuochi. Cittadini e attivisti sono partiti dalla parrocchia Sacro Cuore in via Falcone a Casandrino ed hanno marciato fino a Piazza Umberto I per concludere la manifestazione nel Santuario Maria SS. Assunta, dove Padre Maurizio Patriciello ha celebrato la messa. Presenti i sindaci di Casandrino e di Frattaminore e le mamme dell'Associazione Noi Genitori di tutti. "Mio figlio è morto a 22 mesi per una leucemia, l'altro marcia con me ad 11 anni come se fosse il mio scudo. L'almanacco delle morti non si arresta, vogliamo vivere e nessuno ci dà voce" dichiara Anna Magri, una delle mamme della Terra fuochi intervenute alla marcia. (Testo di Angela Marino, foto di Gaetano Fisicaro).

http://youmedia.fanpage.it/gallery/aa/54f5e2ede4b020b18c2b1a0b

loading